Un mondo fragile: il coronavirus e il petrolio strangolano un pianeta.

Stock di Cina - Foto di New York Times

Il primo trimestre del 2020 è quasi finito e quello che sembra un inizio instabile dell'anno sta peggiorando ogni giorno.

Come tutti sappiamo, il COVID-19 si sta diffondendo in tutto il mondo, diventando un'epidemia che non riguarda solo la salute umana ma anche l'economia. Mostrando quanto è fragile questo mondo.

Dall'inizio della pandemia, l'economia cinese sembra instabile e ha interessato altre economie. Come seconda economia mondiale, qualsiasi questione vissuta in quel paese asiatico lascia loro lotte sull'economia mondiale. Con il passare dei giorni, la tensione sui mercati globali diventa più presente mentre i paesi produttori risentono della crisi cinese. Ma il peggio si vede con i mercati petroliferi.

Un amore vecchio ma pericoloso: l'economia basata sul petrolio.

"I mercati globali stanno precipitando dopo l'implosione di un'alleanza tra OPEC e Russia ha causato il peggior crollo di un giorno dei prezzi del greggio in quasi 30 anni, alimentando il panico innescato dall'escalation dell'epidemia di coronavirus".

Il panico è iniziato dopo che l'Arabia Saudita ha scioccato i mercati petroliferi lanciando una guerra dei prezzi. Il regno sta cercando di riconquistare la quota di mercato globale dopo che la Russia ha rifiutato venerdì di proseguire con gli sforzi dell'OPEC per salvare il mercato petrolifero da un crollo della domanda causato dallo scoppio del coronavirus. A peggiorare le cose, il nuovo coronavirus continua a pesare pesantemente sugli investitori in quanto provoca uno shock inaspettato per l'economia. Il virus ha infettato oltre 108.000 persone e sta gettando molti paesi in subbuglio. L'Italia ha posto quasi 16 milioni di persone in condizioni di semi-blocco e il numero di casi confermati in Europa continua ad aumentare.

Gli investitori si stanno svegliando "scioccati", ha scritto Stephen Innes, capo stratega di mercato di AxiCorp, in una nota di ricerca di lunedì. Ha descritto il panico come "completo pandemonio". - Notizie CNN

Il doppio colpo della guerra dei prezzi del petrolio in Arabia Saudita e le crescenti paure del coronavirus in Europa hanno aggiunto "un altro livello di panico indesiderato a un mercato già denso di paura", ha detto Innes, sottolineando che gli investitori hanno iniziato ad accumulare beni rifugio sicuri. Lo yen giapponese è salito contro il dollaro USA al suo livello più forte in più di tre anni, mentre l'oro è stato scambiato brevemente sopra i $ 1.700 l'oncia e ha toccato i suoi livelli più alti dal 2012.

Wall Street ha subito pesanti perdite nelle ultime settimane a causa delle paure che circondano il coronavirus. Durante l'ultima settimana di febbraio, i titoli statunitensi hanno avuto la settimana peggiore dalla crisi finanziaria e la perturbazione economica causata dal virus non sembra arrendersi.

Anche i mercati globali sono stati colpiti negli ultimi giorni. Circa 9 trilioni di dollari sono stati spazzati via dalle azioni globali in nove giorni, ha dichiarato Bank of America in una nota di ricerca dopo che i mercati statunitensi hanno chiuso di nuovo in rosso giovedì.

La scala dell'epidemia di coronavirus si è diffusa rapidamente negli Stati Uniti la scorsa settimana.

Spaventa il futuro

"Il ritorno alla normalità economica in Cina è stato molto lento dall'epidemia di coronavirus", ha scritto Louis Kuijs, capo dell'Asia Economics presso Oxford Economics, in una nota di ricerca, indicando i dati commerciali poveri e le indagini della settimana scorsa sull'attività nel paese settore manifatturiero e dei servizi.

E per tutto il mondo cosa significa? L'economia è così debole che un virus potrebbe spaccare tutti i mercati e portare a una recessione economica che mostra come la vita umana e l'umanità stessa debbano essere preparate per qualcos'altro, qualcosa di grande che dal panorama è veramente sicuro che accadrà ...