Quali famiglie gallesi sono più vulnerabili a una perdita di reddito a causa di Covid-19?

Sta diventando sempre più chiaro che - insieme alle sue forti ripercussioni sulla salute, la pandemia di Coronavirus (Covid-19) avrà un impatto profondo e duraturo sull'economia e sulla società gallesi.

Sebbene sia troppo presto per prevedere l'impatto a lungo termine, sappiamo che a breve termine, per isolare se stessi saranno necessarie ampie fasce della società e molte persone, in particolare i lavoratori autonomi e quelli con contratti a zero ore - dovranno rinunciare al loro reddito regolare dall'occupazione. Il sistema di benefit offre una rete di sicurezza limitata, ma a meno che non vengano intraprese ulteriori azioni, molte famiglie dovranno fare affidamento su risparmi e altre attività liquide per pagare le bollette e far fronte agli impegni in corso come i pagamenti di mutui e affitti.

Le tendenze nel risparmio delle famiglie sono particolarmente salienti per capire quali settori della società sono più vulnerabili a un calo del loro reddito normale.

Dopo che il Fraser di Allander Institute ha pubblicato un'analisi delle famiglie a rischio di liquidità in Scozia, abbiamo analizzato i dati del Wealth and Assets Survey per vedere quante famiglie gallesi hanno abbastanza risparmi e attività liquide per coprire un mese, due mesi e tre mesi di il loro reddito regolare. La definizione di attività liquide è tratta da questo rapporto DWP.

Circa due quinti delle famiglie gallesi mancano dei risparmi e delle attività liquide necessarie per sostituire il loro reddito regolare per tre mesi. E oltre un quarto delle famiglie gallesi non ha abbastanza risparmi per coprire il proprio reddito normale per un solo mese.

Il Galles non è in linea con la media del Regno Unito su queste misure, con livelli di risparmio inferiori compensati da livelli di reddito relativamente inferiori.

Ma ci sono diversi fattori che influenzano la probabilità che una determinata famiglia sia vincolata dalla liquidità se dovesse affrontare una perdita di reddito.

1. Reddito familiare

Solo il 55% delle famiglie gallesi con il decile di reddito più povero ha risparmi liquidi sufficienti a coprire un mese del loro reddito normale. Questo è paragonabile al 94% delle famiglie nel decile più ricco.

Poiché le famiglie più ricche hanno livelli più elevati di reddito regolare, queste famiglie richiedono maggiori risparmi per compensare una perdita di reddito. Ma in generale, impegni come l'affitto e i pagamenti dei mutui tendono a crescere man mano che saliamo anche attraverso i decili del reddito. Ciò significa che una famiglia nel quinto decile potrebbe non avere la possibilità di risparmiare molto più di una famiglia nel secondo decile, in proporzione al proprio reddito.

Questo potrebbe spiegare perché è solo tra i decili principali che vediamo un marcato aumento della probabilità che le famiglie abbiano abbastanza liquidità per sostituire il loro reddito normale per un lungo periodo di tempo.

2. Proprietà abitativa

Gli affittuari sarebbero colpiti in modo particolarmente grave se il loro reddito si interrompesse improvvisamente - solo il 44% degli affittuari privati ​​e il 35% degli affittuari sociali in Galles hanno risparmi sufficienti per coprire un mese del loro reddito normale. La statistica per gli affittuari privati ​​in Galles si distingue per essere significativamente inferiore alla media britannica del 55%.

I proprietari-occupanti che stanno ancora rimborsando leggermente la loro rata del mutuo - il 71% di queste famiglie ha abbastanza liquidità per coprire un periodo di un mese senza reddito regolare. L'annuncio del Cancelliere del Regno Unito secondo cui a queste famiglie sarà data la possibilità di prendere una "vacanza ipotecaria" le protegge ulteriormente se dovessero perdere il loro reddito regolare.

Dato che i proprietari-occupanti erano già pronti a fare meglio di quelli che affittano, ciò rende incapace particolarmente evidente l'incapacità dei governi del Regno Unito e del Galles di attuare qualcosa di più di misure semifornate per proteggere gli inquilini che affrontano una perdita di reddito a causa di Covid-19.

3. Età

Le famiglie più giovani hanno molte meno probabilità di disporre di risorse sufficienti per coprire un calo delle entrate rispetto alle famiglie più anziane. Meno di due quinti tra i 25 e i 34 anni hanno risparmi sufficienti per sostituire un mese del loro reddito normale rispetto a quasi il 90% degli over 75. Ciò riflette tassi più bassi di proprietà della casa e che le famiglie più giovani tendono ad avere risparmi meno accumulati.

Vale anche la pena ricordare che le famiglie anziane - in particolare quelle in età pensionabile statale - hanno molte meno probabilità di perdere il reddito normale a causa di Covid-19.

Come dovrebbero rispondere i governi gallese e britannico?

Naturalmente, il sistema di benefit offre una certa protezione contro un improvviso calo delle entrate. Ma dato che il valore della Sick Pay statutario è inferiore al 18% del reddito mediano in Galles, molte famiglie non saranno ancora in grado di coprire le bollette e gli impegni esistenti. Coloro che guadagnano meno di £ 118 a settimana o i lavoratori autonomi potrebbero dover fare affidamento su un'indennità di occupazione e sostegno ancora meno generosa o navigare nel sistema di credito universale.

Le famiglie e gli affittuari più poveri sembrano particolarmente vulnerabili alla perdita di entrate regolari. Il governo del Regno Unito ha attuato una moratoria sugli sfratti in Inghilterra, ma il governo gallese deve ancora intraprendere tale azione. Sebbene ciò offrirebbe una maggiore sicurezza a breve termine, non impedirebbe che gli inquilini vengano sfrattati in un secondo momento. Come sostenuto dalla Fondazione Bevan in un blog all'inizio di questa settimana, accordi di pagamento flessibili già offerti ai proprietari dovrebbero essere resi disponibili anche a tutti gli inquilini.

E le famiglie più giovani hanno molte meno probabilità di possedere risparmi sufficienti per sostituire il loro reddito normale. Dato che un numero proporzionalmente più elevato di giovani adulti lavora nell'economia dei concerti rispetto ad altre fasce di età, queste famiglie potrebbero anche essere più vulnerabili a perdere il loro reddito in primo luogo. In questo contesto, il tasso più basso di indennità per l'occupazione e il sostegno e il credito universale versati ai minori di 25 anni sembra particolarmente incongruo.

Il governo britannico e gallese hanno già annunciato una grande risposta fiscale a Covid-19. Ma finora, la maggior parte di questo sostegno è stata rivolta alle imprese sotto forma di prestiti garantiti dal governo e sgravi dei tassi non nazionali. Saranno necessarie ulteriori azioni da parte di entrambi i governi per proteggere le famiglie vincolate dalla liquidità in Galles dalle ricadute economiche di questa pandemia.